(function (i, s, o, g, r, a, m) { i['GoogleAnalyticsObject'] = r; i[r] = i[r] || function () { (i[r].q = i[r].q || []).push(arguments) }, i[r].l = 1 * new Date(); a = s.createElement(o), m = s.getElementsByTagName(o)[0]; a.async = 1; a.src = g; m.parentNode.insertBefore(a, m) })(window, document, 'script', 'https://www.google-analytics.com/analytics.js', 'ga'); ga('create', 'UA-65256269-1', 'auto'); ga('send', 'pageview'); ga('set', 'anonymizeIp', true);

THE OCEAN CLEAN UP.

10362795_782606748439042_6461684966069759468_o

Falpi, da sempre attenta al problema ambientale, promotrice di scelte consapevoli e di ”atteggiamenti virtuosi”, vuole evidenziare il progetto che in questi giorni anima i blog ambientalisti.

Un progetto ambizioso di un ragazzo olandese di diciannove anni, Boyan Slat, ideato dopo una vacanza in Grecia, in cui si rende conto che in mare ci sono più rifiuti che pesci! Boyan decide di promuovere una campagna per una raccolta fondi in grado di finanziare il suo progetto di pulizia degli oceani: The “ocean clean up”. Un progetto grandioso,  che Falpi non può che condividere. L’idea del ragazzo viene inizialmente sostenuta dagli abitanti di Tsushima, in Giappone. Una zona che a causa delle correnti è particolarmente colpita dall’inquinamento. Il Progetto di Boyan e del suo gruppo consiste in una barriera galleggiante in grado di raccogliere i rifiuti lasciando liberi i pesci. Ad oggi è stato raccolto quasi un milione di euro, ma lo sviluppo del progetto potrebbe portare a costrure una barriera in grado di raccogliere tutti i rifiuti dell’Oceano Pacifico.

L’anima verde di Falpi non poteva non condividere un progetto per ripulire i mari, basato sui principi di ecosostenibilità, riduzione dell’impatto ambientale e utilizzo delle fonti rinnovabili.

Visita: http://www.theoceancleanup.com o la pagina Facebook “The Ocean Cleanup”.


Falpi, a company always sensitive to the environmental problem, promoter of conscious choices and “righteous attitudes”, wants to emphasize a project stressed by environmentalist blogger in these days.

A 19 years old dutch guy, Boyan Slat, has designed an ambitious project after an holyday in Greece, where he realizes that, in the see, there are more trash than fishes!

Boyan decides to promote an international fundraising to finance his cleaning ocean project: The “Ocean clean up”. An awesome project, that Falpi can only share.

The Boyan’s idea has been initially supported by Tsushima’s citizens, in japan. An area affected by environmental pollution, for the rough ocean currents. The project of Boyan and his group is to build a floating barrier can collect the waste leaving free the fishes Until today was collected almost one million euros, but the development of the project could lead to build a barrier can collect all Ocean waste.

The “Green Soul” of Falpi could not deny its support to the project to clean up the seas, based on the ecosustainability principles, reducing environmental impact and use of renewable sources.

Visit: http://www.theoceancleanup.com or the Facebook page “The Ocean Cleanup”.

 

1534891_838392649527118_5186387318220680893_o10669061_838392666193783_5412268070632954364_o

photo via_the ocean clean up



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *